fbpx
 

Da web copywriter posso dirti che raggiungere il lettore non è sempre semplicissimo.  Ci sono un milione di cose che devi considerare e le variabili, in tal senso, possono anche cambiare in continuazione.

Alla base di un copywriting di successo però c’è sempre e solo una cosa: la comunicazione. Saper comunicare, diffondere e far comprendere determinate storie, emozioni e sensazioni è il compito nativo di noi copywriter e, proprio per questo motivo, bisogna avere come obiettivo prima di ogni altra cosa proprio quello di giungere al lettore.
Altrimenti si rischia di divenire un pessimo copywriter.

 

Voglio darti 5 consigli relativi i modi per arrivare al cuore del lettore.

 

Semplifica le frasi..ma non BANALIZZARE!

 

Il primo consiglio da web copywriter che mi sento di darti è quello di semplificare quello che scrivi accorciando in maniera importante le tue frasi. Ora, chiariamo un secondo questo punto.
Devi considerare che le persone al giorno d’oggi non hanno più la soglia di attenzione di un tempo e quindi il tempo che passa tra la valutazione di un contenuto e la sua effettiva approvazione è molto breve.

 

In questo lasso di tempo devi essere in grado di “catturarli” facendoli innamorare di ciò che hai da dire. Considera sempre che ti stai rivolgendo ad una persona che potrebbe cambiare pagina internet da un momento all’altro, semplicemente scrollando il tuo contenuto.

 

Molto bene: il tuo obiettivo è evitare tutto questo.

 

Come puoi fare?

 

Utilizzando frasi brevi ma non banali. Il punto in questo può essere un tuo valido alleato in tal senso. Spezza le frasi tra di loro e non utilizzare periodi troppo lunghi, il rischio è quello di annoiare chi ti legge perdendo per sempre la sua attenzione.

 

Usa parole che attirino l’attenzione

 

Come abbiamo appena detto per far si che i tuoi lettori continuino a leggerti (scusa il gioco di parole) devi fare in modo di attirare la loro attenzione. Bene, per farlo devi utilizzare le giuste parole.

 

Il lettore vuole essere chiamato in causa, vuole partecipare attivamente alla discussione anche se in realtà a parlare sei solo ed esclusivamente tu. Fai capire a chi ti legge che il tuo è un discorso dinamico e non un semplice testo piatto.

 

Come fare?

 

Ecco te l’ho appena mostrato: fai domande e coinvolgi con le parole.
Per farlo puoi utilizzare sia delle domande come ho fatto io del tipo:

 

  • Sei d’accordo?
  • E’ capitato anche a te vero?
  • Credi sia impossibile? 

O anche delle affermazioni come:

 

  • Bene, arrivati a questo punto
  • Ricapitolando
  • Ti starai certamente chiedendo… 

E tutte le forme che ti vengono in mente per far si che chi ti legge sia coinvolto dal tuo testo e si senta chiamato in causa.

 

Chiaro no? (Scusa l’ho fatto di nuovo, deformazione professionale).

 

Dai del “tu”

 

Ok, prima di procedere con questo punto voglio farti una premessa: questo consiglio che ti do va contestualizzato al pubblico che hai.

 

Mi spiego meglio. Prima di rivolgerti dando la seconda persona singolare (Tu) devi analizzare il target di pubblico che ti segue. Di certo se sei un sito istituzionale non puoi rivolgerti amichevolmente ai tuoi lettori, rischi di risultare poco professionale.

 

Escludendo questi casi però, il miglior modo per rivolgersi al pubblico è proprio quello di instaurare una sorta di rapporto, rivolgendosi alle persone direttamente.

 

Questo vale anche per le aziende?

 

ASSOLUTAMENTE SI!

 

Hai presente tutte quelle frasi del tipo: “Siamo i massimi esperti nel settore”, “un’azienda operante a 360 gradi”, “siamo un’azienda giovane e dinamica” ecc.
Questo è il miglior modo per allontanare il tuo pubblico e fargli avere una sorta di repulsione nei confronti dell’azienda.

 

Certo è giusto elencare loro quelle che sono le skills e le peculiarità dell’azienda ma bisogna farlo in modo diretto e utilizzando nella maniera giusta le parole (per questo esistono i web copywriter).
In ogni caso se vuoi un consiglio da oggi in poi cerca di scrivere come se parlassi ad una persona che si trova dinanzi a te, ovviamente senza sfociare nell’eccessiva informalità.

 

NO ai paroloni

 

Come abbiamo detto qualche paragrafo fa ogni buon copywriter sa che per arrivare al cuore del lettore e per attirare la sua attenzione deve semplificare la sua scrittura in modo tale da non risultare pedante e pesante.

 

Questo vale anche per la terminologia che si utilizza quando si scrive. Ritornando all’esempio del nostro caro “sito istituzionale” è chiaro che se si scrive di qualcosa di tecnico il linguaggio da utilizzare dovrà essere, per l’appunto, tecnico.

 

Tuttavia se devi spiegare ai tuoi lettori in che modo realizzare una pubblicità o una campagna di qualsiasi genere è inutile che utilizzi sofisticati paroloni e terminologie tecniche native del marketing. Molto meglio spiegare in maniera semplice le cose.

 

Il rischio è quello di annoiare e “far cambiare pagina” a chi ci legge.
Se proprio l’argomento necessita di terminologie tecniche è sempre meglio spiegarle in modo da essere compresi.

 

Scrivi per le persone non per i motori di ricerca

 

Quante volte avrai sentito questa frase?
E quante volte l’hai effettivamente messa in pratica?

 

Il concetto è molto semplice: il principio base da seguire per essere un buon web copywriter è quello di scrivere sapendo che qualcuno leggerà (forse).
Non sognarti di ficcare keyword a casaccio nel tuo testo sperando di ottimizzare la tua SEO. Non funziona così.

 

In questo modo otterrai un doppio risultato negativo:

 

  • Google ti penalizzerà: ormai il motore di ricerca è diventato Super-intelligente e penalizza testi che non abbiano un’effettiva utilità per l’utente.
  • Nessuno ti leggerà: il testo risulterà illeggibile, poco utile e, quindi, non letto da nessuno. 

Ricorda: scrivi qualcosa che tu stesso leggeresti, altrimenti stai perdendo tempo!

CEO di Colpi di Penna e Copywriter a tempo pieno. Vivo praticamente con le dita sulla tastiera 7 giorni su 7 e sono riuscito a rendere la mia passione per la scrittura un lavoro a tutti gli effetti.
Sono specializzato in Copywriting, Ghostwriting e Social Media Marketing oltre ad aiutare gli aspiranti Copy a specializzarsi in questo settore.